─♦─HOME─♦──♦─CHI SONO─♦──♦─ABOUT─♦──♦─CONTATTI─♦──♦─RECENSIONI─♦──♦─RUBRICHE─♦──♦─AFFILIAZIONI─♦─
♦────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────♦

Rossa come la passione

RECENSIONE "ROSSA COME LA PASSIONE" DI ELLA GAI

Buon pomeriggio, amici! Oggi vi lascio i miei pensieri su un racconto che ho letto questa estate e che ho trovato molto carino. Si tratta di "Rossa come la passione" di Ella Gai, il primo episodio della serie romance-erotica I colori dell'anima, di cui vi avevo già parlato prima della pausa estiva (qui la mia segnalazione).
Ringrazio l'autrice per avermi gentilmente inviato il racconto e avermi dato la possibilità di leggerlo.

Titolo: Rossa come la passione (I colori dell'anima #2)
Autore: Ella Gai
Editore: Amazon
Prezzo: € 1.99 (ebook)
Pagine: 34 p.
Genere: Racconto
Sottogenere: Romance, Erotico
Anno di pubblicazione: 2013

Trama
Gaia Hearts è una bella ragazza di venticinque anni, dal carattere solare e allegro. Si è appena laureata in marketing e progettazione e non avrebbe mai immaginato, che il primo giorno di lavoro, in una delle aziende cosmetiche più importanti d'Europa avrebbe ricevuto una "proposta particolare" dal suo capo, Stephan Barney, l'uomo che può tutto, l' uomo dai mille misteri. Riuscirà Gaia, a rinunciare a tanti anni di studi e alla sua integrità morale per accettare la proposta? Oppure, gli risponderà con un due di picche? Sarà davvero, una proposta casta quella di Stephan? Oppure, brama qualcosa di molto più forte? Perché lei, dopotutto è il colore dei suoi desideri.


Il mio voto

La mia recensione

Ci sono alcuni momenti in cui si ha voglia di leggere una storia leggera e che ci intrattenga piacevolmente senza appesantire una giornata già difficoltosa. Ecco, il racconto di Ella Gai, pseudonimo sotto cui si cela un’esordiente autrice italiana, rientra proprio in questa categoria di letture. Letto in una mezzoretta prima di andare a dormire durante un'afosa serata estiva, “Rossa come la passione”, capitolo introduttivo de “I colori dell’anima”, una serie romance-erotica incentrata sulle sfumature del sentimento, non ha disatteso le mie aspettative. Pensavo sarebbe stata una lettura gradevole e semplice, con una lieve spruzzata di romanticismo e sensualità e attraversata da toni leggeri e sfumati di rosa, e così è stato.

Gaia Hearts, la protagonista, è una venticinquenne che finalmente è riuscita a coronare uno dei suoi più grandi sogni, cioè lavorare per un’importante azienda di cosmetici conosciuta in tutta Europa. Euforica per la novità, si accinge ad affrontare nel modo più serio e professionale il suo primo giorno di lavoro. A parte qualche intoppo, tutto procede nel migliore dei modi: l’incarico che le hanno assegnato le piace, gli uffici sono comodi e lussuosi, e i colleghi di lavoro sono abbastanza simpatici e gentili. Quando, però, ad una riunione a cui partecipa insieme al suo capo, i suoi occhi incrociano quelli di Stephan Barney, tutto si complica. L’uomo, infatti, è il direttore della società cosmetica e sembra nutrire un ostentato interesse nei suoi confronti. Da parte sua, Gaia non può certo dire che il giovane non sia affascinante e non apprezzarne la bella presenza, ma si limita ad osservarlo di sfuggita, niente di più. Tuttavia, la ragazza ha colpito Stephan più di quanto possa immaginare e l’uomo, trovandosi casualmente da solo con lei, afferra l’occasione al volo per fare una proposta a Gaia, che indignata rifiuta immediatamente le sue attenzioni…
Questo racconto mi ha fatto passare una mezzoretta in allegria. Questo è il primo pregio di quest’opera. Ironico, rilassante e fresco. Questi sono i primi aggettivi che mi vengono in mente per descriverlo. L’ho letto tutto con il sorriso sulle labbra e al termine non vedevo l’ora di sapere come sarebbe proseguita la storia.
La trama è molto semplice, è vero, però ha quella effervescenza, tipica delle commedie, che ti spinge a volerne sapere di più e a voler scoprire come si evolveranno le cose per la povera protagonista. La narrazione segue la giornata di Gaia e, quindi, il lettore si ambienta insieme a lei alla nuova situazione lavorativa, alle nuove conoscenze e all’incontro con Stephan. Il racconto è breve e queste pagine fungono solo da introduzione per questa serie romance-erotica, perciò è impossibile avere davanti il quadro totale dell’opera, ma, nonostante ciò, mi sono fatta un’idea ed è positiva. 
I personaggi sono pochi, ma tutti delineati con caratteristiche precise, quindi non si fa confusione e si inquadrano subito. Gaia, ovviamente, è il carattere che viene analizzato maggiormente ed è una figura che ho apprezzato molto. È una ragazza giovane intelligente e schietta, timida ma determinata, ambiziosa ma non per questo sfrontata, anzi è riservata e tranquilla. Mi è piaciuta davvero tanto e rappresenta sicuramente un punto di forza del racconto; avere una protagonista che risulti simpatica al lettore è un fattore enormemente positivo. Stephan, invece, non sono ancora riuscita bene ad inquadrarlo perché compare solo nelle ultime pagine e c’è poco materiale su cui basare un’opinione; è sicuramente un bell’uomo elegante e intraprendente, a cui piace prendere quello che vuole senza problemi, ma durante la lettura ho avuto l’impressione che non fosse solo questo e che il suo carattere fosse ancora tutto da svelare. Di certo, però, non è timido!
La parte romantica e sensuale qui è appena accennata, ma comunque ogni riferimento è trattato in modo molto elegante e spontaneo, mai volgarmente. Al centro dell’intreccio c’è il rosso, metafora della passione che Gaia scatena nell’animo di Stephan, una particolarità che ho trovato interessante e che dona quel tocco di profondità in più al racconto. Il sentimento e la sensualità in questo primo capitolo sono solo un’allusione, si concentra tutto nella fatidica proposta, ed è un fattore che ho apprezzato. Ci sarà tempo nei capitoli seguenti per approfondire l’aspetto romance-erotico dell’intreccio, mentre in questa parte viene descritta soprattutto la protagonista e la sua visione del nuovo lavoro, di ciò che la circonda e delle esperienze che si trova a vivere. 
L’unica nota dolente del racconto, a mio parere, è da riscontrarsi nella forma. Preciso che lo stile dell’autrice è molto piacevole e coinvolgente, non mi sono mai annoiata durante la lettura, e il suo modo diretto di presentare le situazioni ha reso la narrazione sempre vivace e informale, molto vicina alla realtà e alla quotidianità, tanto che per tutto il tempo mi è sembrato di ascoltare il resoconto della giornata di un’amica. La pecca sta nella mancanza di un editing migliore e più accurato. Il racconto è autopubblicato e sono consapevole che refusi e sbavature sono più che comprensibili, soprattutto trattandosi di un'opera d’esordio, e infatti non mi soffermo mai troppo su questo aspetto perché capisco benissimo la difficoltà di editare un lavoro autonomamente e sono la prima a dare più importanza ai contenuti che alla confezione quando si tratta di autopubblicazioni, ma una lettura e una revisione più approfondite e attente avrebbero giovato moltissimo a questa storia che, con alcune correzioni, avrebbe acquisito una gradevolezza maggiore e si sarebbe reso appetibile anche verso quei lettori più esigenti.
Rossa come la passione” è un piacevole racconto rosa che a me è piaciuto e che ho veramente gustato mentre passavo qualche momento di relax, una storia romantica condita da un pizzico di pepe che consiglio a chi vuole una lettura stuzzicante, garbata e graziosa.

                                                                                                                                                  Monia Iori


16 commenti:

  1. sai che non amo il genere...credo che sia ottimo per chi lo legge..ma non farebbe per me:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, Vale :-) però per chi apprezza il tipo di storia risulta un racconto molto carino!

      Elimina
  2. Recensione accurata e equilibrata come sempre, brava :) riguardo a rossa come la passione ci farò un pensiero, ogni tanto mi piace perdermi in letture divertenti e leggere, tutto dipende da quanto è pesante il mio periodo quotidiano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia ^-^ è una lettura molto molto leggera e rilassante, perfetta per passare una mezz'oretta in tranquillità...io l'ho apprezzato molto anche per questo motivo...mi ha permesso di svuotare la mente!

      Elimina
  3. grazie della recensione ... è stupenda <3 <3 <3

    RispondiElimina
  4. Bella recensione :)
    ho letto sia il primo che il secondo, e sono curiosa di leggere il terzo.
    Li ho trovati carini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, sei sempre super gentile ^-^
      Carini, sì...a me è piaciuto molto questo primo racconto! La curiosità poi te la lascia!!!

      Elimina
  5. Interessante. Mi ero incuriosita sentendone parlare di sfuggita, ma grazie alla tua recensione ho un'idea più chiara di cosa aspettarmi. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti fatto comprendere meglio il tipo di lettura, Amaranth :-) lo consiglio per passare qualche minuto di completo relax mentale!

      Elimina
  6. Ciao (: Nuova follower...
    Ho appena scoperto il tuo blog e devo dire che è davvero carino! Poi ho visto che ascolti i Thirty Seconds to Mars e me ne sono innamorata *^*
    Ti va di visitare il mio?
    http://ilrifugiodibook.blogspot.it/
    Grazie in anticipo :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ^-^ grazie per essere passata! E grazie anche per i complimenti al blog!!!
      I 30 Seconds to Mars sono il mio gruppo mitico *-* Jared Leto è il mio idolo ♥ sono felice di sapere che condividiamo l'amore per la loro musica!!! Già per questo meriti una stretta di mano :D
      Corro subito a visitare il tuo blog, certo ;-)
      Grazie a te! A presto!

      Elimina
  7. Bella recensione! :D
    Non è molto il mio genere, ma ci faccio un pensiero! ;)
    Non sembra male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Io l'ho trovato carino ^-^

      Elimina
  8. Anche a me ogni tanto piace leggere racconti o libri poco impegnativi e scorrevoli, ma questo sembra proprio non fare per me: oltre al fatto che non è il mio genere, la trama mi fa pensare a qualcosa di trito e ritrito :( A parte questo, complimenti per la recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jane ^-^
      I gusti son gusti...se il libro e il genere non fanno per te, fai bene a passare :-)

      Elimina

Grazie per i vostri commenti ♥ è sempre un immenso piacere leggere i vostri pensieri, quindi non siate timidi e lasciate pure un segno del vostro passaggio! Sono sempre felice di rispondervi e di scambiare opinioni con voi!