─♦─HOME─♦──♦─CHI SONO─♦──♦─ABOUT─♦──♦─CONTATTI─♦──♦─RECENSIONI─♦──♦─RUBRICHE─♦──♦─AFFILIAZIONI─♦─
♦────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────♦

"La mia amica ebrea" e "Quando dal cielo cadevano le stelle", due romanzi per non dimenticare

SEGNALAZIONE "LA MIA AMICA EBREA" DI REBECCA DOMINO E "QUANDO DAL CIELO CADEVANO LE STELLE" DI SOFIA DOMINO

Buongiorno lettori, oggi è una giornata diversa dalle altre, una giornata in cui ognuno di noi ricorda e onora a modo suo le vittime di un orribile passato che purtroppo l'umanità si porta dietro e che niente potrà mai cancellare. Il 27 Gennaio di 69 anni fa venivano finalmente aperti i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz e la libertà e la speranza facevano il loro ingresso in quell'incubo di morte e disperazione. Non ci sono parole per descrivere la brutalità umana e la violenza usata su bambini, donne e uomini negli anni bui del nazismo, eppure è impossibile non parlarne. Si deve parlare di questo, è l'unico modo per non dimenticare ed evitare che brutalità del genere vengano ripetute. Io ho letto parecchi libri su questo tema e ho visto tanti film, ma non basta mai. Per questo motivo, oggi ho deciso di presentarvi due libri sul tema dell'Olocausto scritti da due sorelle autrici, due storie che spalancano gli occhi su una realtà passata che tuttavia è sempre presente.

La mia amica ebrea & Quando dal cielo cadevano le stelle

Sappiamo tutti cosa accadde tanti anni fa, ma neanche troppi, in Europa. L'avvento del nazismo portò all'espulsione delle persone di origine ebraica dalla società. Una società che non li voleva, che addirittura li schifava e li considerava il nulla. Sono stati compiuti atti orribili in nome di uomini altrettanto orribili, è sempre stato così, la storia ce lo insegna. Ma i campi di concentramento sono di sicuro tra le cose più ignobili che l'uomo abbia mai fatto. Non solo ha derubato tutte quelle persone innocenti di un'identità e della libertà, ma le ha torturate con modi indicibili e trattate come abomini della natura. Cosa che, invece, era quell'uomo, quel carnefice che ha offeso e maltrattato i suoi simili in tutti i modi possibili. 
Rebecca Domino e Sofia Domino con i loro romanzi, in uscita proprio oggi per la Giornata della Memoria e che rappresentano per entrambe l'esordio letterario, ci riconducono in quel pezzo di storia che si vorrebbe solo cancellare ma che invece deve essere ricordato sempre, in ogni momento, in ogni occasione, in ogni tempo e luogo. La mia amica ebrea e Quando dal cielo cadevano le stelle sono libri che devono assolutamente essere letti, che devono essere vissuti, che sicuramente faranno versare lacrime e contorcere lo stomaco per la rabbia e l'impotenza, ma che non devono passare inosservati. Se volete fare un regalo a voi stessi e onorare le vittime di una tragedia terribile, allora leggete queste storie e permettete alle loro protagoniste di mostrarvi il buio delle loro esistenze, un'oscurità in cui, nonostante tutto, brilla ancora la luce della speranza. Per non dimenticare coloro che sono morti, che hanno sofferto, che hanno perso i loro cari, e anche coloro che in silenzio hanno rischiato la loro vita per salvarli.


*

Titolo: La mia amica ebrea
Autore: Rebecca Domino
Editore: Lulu.com
Prezzo: € 1.99 (ebook)
Pagine: 300 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Narrativa Storica
Anno di pubblicazione: 2014

Trama
Amburgo, 1943. La vita di Josepha, quindici anni, trascorre fra le uscite con le amiche, le lezioni e i sogni, nonostante la Seconda Guerra Mondiale. Le cose cambiano quando suo padre decide di nascondere in soffitta una famiglia di ebrei. Fra loro c'è Rina, quindici anni, grandi e profondi occhi scuri. Nella Germania nazista, giorno dopo giorno sboccia una delicata amicizia fra una ragazzina ariana, che è cresciuta con la propaganda di Hitler, e una ragazzina ebrea, che si sta nascondendo a quello che sembra essere il destino di tutta la sua gente. Ma quando Josepha dovrà rinunciare improvvisamente alla sua casa e dovrà lottare per continuare a sperare e per cercare di proteggere Rina, l'unione fra le due ragazzine, in un Amburgo martoriata dalle bombe e dalla paura, continuerà a riempire i loro cuori di speranza.
Un romanzo che accende i riflettori su uno dei lati meno conosciuti dell'Olocausto, la voce degli "eroi silenziosi", uomini, donne e giovani che hanno aiutato gli ebrei in uno dei periodi più bui della Storia.

L'autrice
Sono nata nel 1984, e da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo aver messo da parte questa mia grande passione per molti anni, sono tornata a scrivere e adesso è ciò che mi piace di più fare. Sono anche un'appassionata viaggiatrice e lettrice. "La mia amica ebrea" è il mio primo romanzo.

Link Utili



Titolo: Quando dal cielo cadevano le stelle
Autore: Sofia Domino
Editore: Lulu.com 
Prezzo: € 1.99 
Pagine: 496 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Narrativa Storica
Anno di pubblicazione: 2014

Trama
Lia ha tredici anni. È una ragazzina italiana piena di sogni e di allegria, con l’unica colpa di essere ebrea durante la Seconda Guerra Mondiale. Dallo scoppio delle leggi razziali la sua vita cambia, e con la sua famiglia è costretta a rifugiarsi in numerosi nascondigli, a sparire dal mondo. Da quel mondo di cui vuole fare disperatamente parte. Passano gli anni, conditi da giornate piene di vicende, di primi amori, di paure e di speranze, come quella più grande, la speranza che presto la guerra finirà. Ma nessuno ha preparato Lia alla rabbia dei nazisti. Il 16 ottobre 1943, la comunità ebraica del ghetto di Roma viene rastrellata dalla Gestapo e i nazisti le ricorderanno che una ragazzina ebrea non ha il diritto di sognare, di sperare, di amare. Di vivere. Lia sarà deportata ad Auschwitz con la sua famiglia, e da quel giorno avrà inizio il suo incubo. Terrore, lavoro, malattie, camere a gas, morti. E determinazione. Quella che Lia non vuole abbandonare. Quella determinazione che vorrà usare per gridare al mondo di non dimenticare. Quella determinazione che brillerà nei suoi occhi quando il freddo sarà troppo pungente, quando la fame sarà lancinante, quando la morte sarà troppo vicina e quando sarà deportata in altri campi di concentramento. Quella determinazione che le farà amare la vita, e che le ricorderà che anche le ragazzine ebree hanno il diritto di sognare. Perché non esistano mai più le casacche a righe, perché nessuno sia più costretto a vivere in base a un numero tatuato su un braccio o in base a una stella cucita sulla veste.
Perché dal cielo non cadano più le stelle.

L'autrice
Sono nata nel 1987 e sin da quando ero piccola mi piaceva scrivere temi e racconti. Adesso la scrittura è la mia passione principale. Oltre a scrivere adoro leggere e sognare. Inoltre, viaggio non appena posso. "Quando dal cielo cadevano le stelle" è il mio primo romanzo.

Link Utili

****************

A presto,

3 commenti:

  1. Bel post per questa giornata speciale...

    RispondiElimina
  2. Anche io li ho segnalati questa mattina.

    RispondiElimina
  3. bellissimo post... io non ho letto questi libri e a dire il vero so che troverei difficoltà nel leggerli... a me questo argomento mette troppa tristezza... bisogna ricordare, sempre, non soltanto oggi, ed è anche per questo che adoro bloggher, un grandissimo ma semplice spazio web dove è possibile ricordare attraverso questi post e queste parole.

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti ♥ è sempre un immenso piacere leggere i vostri pensieri, quindi non siate timidi e lasciate pure un segno del vostro passaggio! Sono sempre felice di rispondervi e di scambiare opinioni con voi!